Ricerca personalizzata

HBES: Introduzione ai sistemi bus
Concetti fondamentali dell'home and building automation per il professionista.
Autori: Carlo Vitti - EUR 19,90 - Ed. NT24
Registri dei controlli di manutenzione
Registri "pronti all'uso", da compilare ai sensi dell'art.86 del DLgs 81/08.
Autori: G.Bonardi, L.Vitti - EUR 14,90
Impianti elettrici nei cantieri edili
Elementi di base per la realizzazione e manutenzione dell'impianto di cantiere.
Autori: Luca Vitti - EUR 9,90
 Per maggiori informazioni consultare:
 www.nt24.it




fotovoltaico


  :: INDICE
    - Home page
    - Notizie
    - Dalle Aziende
  :: CONVEGNI
    - Convegni e Formazione
    - Archivio Convegni
  :: AREA TECNICA
    - ELEX - Database Legislativo
    - Articoli Tecnici
    - Archivio Articoli PanEL
    - Speciale "Nuova 46/90"
    - Speciale Fotovoltaico
  :: PANORAMA ELETTRICO
    - La Rivista
    - Newsletter
    - Articoli Recenti
    - Gli Editoriali
    - Software e Libri
  :: EXTRA
    - Download
    - Link
    - Contatti

 
:: 7 Novembre 2007 -  Nanotecnologie e Fotovoltaico
Una cella solare fotovoltaica invisibile, più fine di un capello umano, fatta di un singolo nanocavo di 300 nanometri di diametro. Ma capace di generare una minuscola corrente elettrica di 200 pico watts...

Milano, 1 Novembre
Quella che fino a ieri era considerata dai nanotecnologi una possibilità poco più che teorica dallo scorso ottobre è divenuto un fatto.
Un gruppo di ricercatori di Harvard, guidato da Charles Lieber, ha documentato su Nature il funzionamento di un primo esemplare di nanocavo (nanowire) fotovoltaico e costruito con diversi strati concentrici (coassiali) di ossidi di silicio, a differenti proprietà ottiche e elettriche.
In pratica il nanocavo assorbe i fotoni sul suo strato esterno, eccitando elettroni che passano nel secondo strato e infine formano una piccola corrente nel core centrale, in silicio cristallino.
Il risultato, secondo i ricercatori di Harvard, è una nano-cella tubolare che cattura una quantità significativa di luce nella sua lunghezza, muove elettroni senza intrappolarli in strati troppo spessi, e usa l'anima di silicio cristallino per canalizzare i flussi di corrente.
Non poco, considerando che la cella a nanocavo è esclusivamente fatta di silicio, materiale abbondante, e non richiede metalli rari (o in via di esaurimento) come il gallio o l'indio.
Siamo però ancora ai primi passi. Il nanocavo di Harvard presenta ancora un'efficienza energetica molto bassa (il 3,4% della luce è convertita in elettricità), contro il 20% delle celle fotovoltaiche in silicio policristallino.
L'approccio però è di sicuro promettente. Per almeno due motivi. Il nanocavo in silicio viene prodotto a partire da materiali a basso costo (non richiede costosi cristalli di silicio iperpuro) e da un processo di crescita chimico basato su gas.
Inoltre possono essere realizzati diversi ossidi di silicio sovrapposti, come hanno dimostrato anche le ricerca condotte dai ricercatori del Cnr-Infn di Brescia guidate da Giorgio Sbreveglieri.
Fino alla realizzazione di nano-sensori chimici oppure di prime strutture semiconduttrici elettroniche. Non è per domani, quindi la cella fotovoltaica a basso costo in nanocavi.
Lieber e i suoi la propongono oggi come futuro minuscolo generatore di energia per nanosensori o nanocomputer. Ma c'è da scommettere che su questa frontiera, entro i prossimi anni, emergerà qualcosa di sicuro superiore al 3,4% fotovoltaico di oggi..

fonte: ilsole24ore

   Torna alla pagina precedente



 

    :: E-MAIL
    
    :: PASSWORD

   

  
   Per accedere ad alcune sezioni
    è necessario registrarsi.
  
 Per avere maggiori informazioni
    su come accedere all'area riservata
    cliccare
 QUI

Consted.com - Convegni e strumenti editoriali - P.Iva 01209260189 - per informazioni info@consted.com