Ricerca personalizzata

HBES: Introduzione ai sistemi bus
Concetti fondamentali dell'home and building automation per il professionista.
Autori: Carlo Vitti - EUR 19,90 - Ed. NT24
Registri dei controlli di manutenzione
Registri "pronti all'uso", da compilare ai sensi dell'art.86 del DLgs 81/08.
Autori: G.Bonardi, L.Vitti - EUR 14,90
Impianti elettrici nei cantieri edili
Elementi di base per la realizzazione e manutenzione dell'impianto di cantiere.
Autori: Luca Vitti - EUR 9,90
 Per maggiori informazioni consultare:
 www.nt24.it




fotovoltaico


  :: INDICE
    - Home page
    - Notizie
    - Dalle Aziende
  :: CONVEGNI
    - Convegni e Formazione
    - Archivio Convegni
  :: AREA TECNICA
    - ELEX - Database Legislativo
    - Articoli Tecnici
    - Archivio Articoli PanEL
    - Speciale "Nuova 46/90"
    - Speciale Fotovoltaico
  :: PANORAMA ELETTRICO
    - La Rivista
    - Newsletter
    - Articoli Recenti
    - Gli Editoriali
    - Software e Libri
  :: EXTRA
    - Download
    - Link
    - Contatti

 
:: 15 Maggio 2008 - Assoedilizia critica il nuovo 37/08
Il presidente di Assoedilizia denuncia l'ipocrisia delle leggi italiane in materia di sicurezza degli impianti domestici, demandata unicamente a proprietari e acquirenti nel momento della compravendita immobiliare...

Milano, 12 Maggio
L’ipocrisia delle leggi italiane in materia di sicurezza degli immobili è stata denunciata dal Presidente di Assoedilizia, avv. Achille Colombo Clerici, nel suo intervento al convegno
“Il trasferimento degli immobili e la conformità degli impianti: garanzie e aspetti controversi” organizzato a Milano da Paradigma.
«La legge stabilisce dei parametri, degli standard di funzionalità e di sicurezza, ma,
ha affermato Colombo Clerici, non impone l’esecuzione delle relative opere di adeguamento: in questa maniera attende al varco il cittadino quando vuole vendere o locare un immobile.» Infatti l’art. 13 del D.M. 37/2008 afferma, in sostanza, che all’atto della compravendita, gli impianti tecnologici dell’abitazione - da quello del gas a quello elettrico - devono risultare conformi alle normative di sicurezza valide al momento della loro realizzazione o modifica, tanto che non esiste alcun obbligo di procedere agli adeguamenti previsti da normative successive.
Ma venditore e compratore devono ammettere, per iscritto, che gli impianti non sono - o possono essere - non conformi alle normative di sicurezza vigenti al momento della stipula dell’atto; ad evitare che, in mancanza di tale dichiarazione, si configuri un’ipotesi di vizi e difetti occulti della cosa venduta.

Ci si chiede, allora: il legislatore si è adoperato per una reale sicurezza della casa oppure per costringere a “normalizzare” gli impianti; operazione costosa che, se non effettuata, porta senza dubbio ad una diminuzione considerevole del valore dell’immobile?
Richiamandosi inoltre alla componente più sensibile della sicurezza della casa - l’impianto di adduzione del gas metano - Colombo Clerici ha rilevato altre macroscopiche contraddizioni: per citare, quella che si riferisce ai fornelli che devono essere dotati delle cosiddette termocoppie, semplici dispositivi che interrompono l’afflusso del combustibile in caso di spegnimento della fiamma. Ebbene, risultano in funzione in Italia decine di milioni di fornelli privi di termocoppia.
Come pure il legislatore non introduce l’obbligo d’installazione dell’apparecchiatura di interdizione dell’erogazione del gas in caso di fuoriuscita anomala; né statuisce l’obbligatorietà dei controlli, a valle del contatore, con responsabilità a carico degli enti erogatori del gas per l’uso irregolare dello stesso da parte dell’utente.

In relazione all’uso del metano grava quindi sulla vita dell’immobile una cappa permanente di insicurezza con pesanti riflessi in caso di sinistro.
Tanto che, stante questo atteggiamento legislativo, Assoedilizia, nel varare una polizza contro
i rischi di natura catastrofale, a costo sociale, ha insistito perché la compagnia di Assicurazione americana (l’unica che si sia accollata il rischio) inserisse la copertura anche degli eventi derivanti
da colpa grave. Questo atteggiamento legislativo fa supporre che quando sono in ballo veri e propri problemi di sicurezza (esempio gas metano), lo Stato non riesca ad affrontare il problema; mentre quando sono in ballo interessi economici generali (adeguamento impianti tecnologici, problemi energetici, ecc.) l'intervento dello Stato sia più efficace ma pur sempre farisaico.

fonte: comunicato assoedilizia

   Torna alla pagina precedente



 

    :: E-MAIL
    
    :: PASSWORD

   

  
   Per accedere ad alcune sezioni
    è necessario registrarsi.
  
 Per avere maggiori informazioni
    su come accedere all'area riservata
    cliccare
 QUI

Consted.com - Convegni e strumenti editoriali - P.Iva 01209260189 - per informazioni info@consted.com